News
Estinzione anticipata cessione del quinto: come si fa e quando conviene

Estinzione anticipata cessione del quinto: come si fa e quando conviene

02/Aprile/19

L’estinzione anticipata cessione del quinto è un’operazione possibile.

Prima di precipitarti ad estinguere il tuo prestito, però, cerchiamo di capire insieme come si fa e soprattutto quando conviene.

Prima di proseguire inoltre non dimenticare che per confrontare le migliori offerte di cessione del quinto puoi utilizzare la tecnologia Finauto.eu.
Trova il Finauto Point più vicino a te e scopri dove poter utilizzare la tecnologia Finauto.eu.

Come si richiede

L’estinzione anticipata cessione del quinto è un’operazione prevista dalla legge e quindi non è soggetta alla risposta arbitraria da parte del singolo istituto di credito.

Nello specifico bisogna fare effettuare una richiesta direttamente all’istituto finanziatore via PEC o raccomandata A/R.
Alla domanda bisogna allegare anche il numero di contratto, i tuoi dati identificativi ed  anche un documento di identità e il codice fiscale.

Per quanto riguarda le tempistiche l’istituto di credito è obbligato a dare una risposta entro 10 giorni dalla ricezione della richiesta.
L’istituto di credito nello specifico dovrà inviare un documento dove deve essere indicato l’importo complessivo da pagare.

In questo conteggio sono indicati i seguenti fattori:

  • Ammontare del capitale residuo.
  • Interessi e altri oneri maturati.
  • Eventuali spese dovute per il ritardo nei pagamenti.
  • Capitale residuo.
  • Compenso a titolo di penale.
  • Importo da estinguere.

Come calcolare la penale in caso di estinzione anticipata?

L’estinzione anticipata cessione del quinto può essere richiesta ed ottenuta, come visto, in tempi davvero brevi. In alcuni casi il prestito può essere estinto anche addirittura il giorno dopo la richiesta.

Ci sono tuttavia delle penali da pagare esclusivamente per importi superiori a €10.000.
La riforma del credito al consumo del 2011 ha infatti stabilito che per importi inferiori ai €10.000 l’istituto di credito non può avanzare alcuna richiesta nei confronti del beneficiario.

Nello specifico la normativa stabilisce inoltre che la banca può richiedere un   indennizzo massimo pari all'1% del capitale residuo  se mancano   più di 12 mesi  alla scadenza del contratto, o   massimo dello   0.5% del capitale   residuo se invece    manca meno di un anno.

Importante sottolineare che in ogni caso la penale non può superare l'importo degli interessi residui fino alla scadenza del contratto.

In alternativa all’estinzione definitiva è possibile richiedere un’estinzione parziale. In poche parole si mantiene attivo il contratto pur pagando una rata di rimborso più bassa.

In definitiva: conviene o no?

In definitiva cerchiamo di capire, in virtù di quanto detto fino ad ora, se convenga o meno l’estinzione anticipata cessione del quinto.

Come abbiamo avuto modo di vedere bisogna considerare diversi fattori. Se l’importo è inferiore a €10.000 è un tipo di operazione che può convenire sicuramente in quanto non ci sono penali.

Se l’importo è maggiore di €10.000 bisogna fare delle valutazioni in quanto ci sono delle penali da pagare in base anche al numero di mesi che mancano all’estinzione regolare. Avendo l’importo residuo sarà possibile stabilire se la cifra sia eccessiva o accettabile.

In ogni caso per la tua cessione del quinto auto puoi utilizzare la tecnologia Finauto.eu la quale ti permette di confrontare le migliori offerte in tempo reale.
Trova il Finauto Point più vicino a te e scopri dove poter utilizzare la tecnologia Finauto.eu.