Cosa controllare prima di acquistare un'auto usata

Autore: Redazione

Cosa controllare prima di acquistare un'auto usata

Consigli per l'acquisto auto

Sono diversi gli elementi che bisogna controllare quando si acquista un’auto usata. Nell’articolo analizzeremo tutti i controlli utili affinché un acquirente poco esperto, possa acquistare, in modo ottimale, un'auto usata. 

In questo articolo parleremo di:

Controllare l’esito dell’ultima revisione

Il primo aspetto è sicuramente quello di controllare l'ultima revisione. Il Codice della Strada impone, infatti, l'obbligo a tutti i proprietari di effettuare la revisione dell'auto usata. Stiamo parlando di un controllo fondamentale per verificare l'idoneità dell’auto a circolare. 

Questo controllo deve essere effettuato da un tecnico specializzato che certifica lo stato della meccanica e della carrozzeria dell'auto usata, oltre chiaramente alla sicurezza in marcia. Non appena superato il test, viene rilasciato il certificato di revisione che contiene i dati identificativi dell'auto usata, il chilometraggio ed eventuali note. 

Verifica dei chilometri effettivi

Dopo aver controllato il certificato di avvenuta revisione, osserviamo il numero di chilometri riportato su di esso ed effettuiamo un confronto con il numero di chilometri indicato nel contachilometri. 

Dovrebbe infatti esserci una certa somiglianza o comunque continuità in termini prospettici. 

Se abbiamo dei dubbi, possiamo anche utilizzare il sito web “il Portale dell'automobilista”, nel quale, inserendo la targa, possiamo visionare il numero di chilometri risultante nelle precedenti revisioni. 

Il prezzo è giusto?

Sicuramente il venditore, ma anche l'acquirente, cercheranno di portare il prezzo a proprio vantaggio. Attenzione però: un prezzo eccessivamente basso dovrebbe porci in una situazione di dubbio. 

Un costo troppo basso è, probabilmente, sinonimo di problematiche nascoste non evidenziate dal venditore. Se, invece, il venditore denuncia eventuali situazioni con cui giustifica il prezzo molto conveniente, sta a noi a decidere se vogliamo effettuare l'acquisto o meno di quell’auto. 

Controllare tutta la documentazione

Oltre al certificato di revisione, dobbiamo ovviamente valutare tutta la documentazione legata all'auto usata. 

Il primo documento da visionare è chiaramente il certificato di proprietà. Questo permette all'acquirente di verificare la presenza o meno di ipoteche legate al veicolo. Possiamo anche effettuare tale controllo, tramite il sito dell'ACI oppure recandoci presso una qualsiasi agenzia di pratiche auto. Chiedendo una visura della targa dell'auto usata, possiamo con pochi euro avere questa risposta. 

Nel certificato di proprietà osserviamo, inoltre, che vi sia una corrispondenza perfetta tra targa e telaio, in quanto ci potrebbero essere delle eventuali variazioni se l'auto usata è stata reimmatricolata. 

Il secondo documento fondamentale è la carta di circolazione che deve riportare il nome dell'attuale proprietario ed eventualmente di quelli precedenti. 

Privato o concessionario?

A seconda della tipologia di soggetto dal quale acquistiamo, dobbiamo stare attenti anche  alle garanzie. Il privato non permette di avere delle garanzie solide quanto quelle del concessionario. 

L'acquisto dal concessionario permette, infatti, di avere la garanzia di un anno sul veicolo acquistato. Inoltre il concessionario normalmente si accolla il passaggio di proprietà, mentre nel caso di un privato normalmente ciò non avviene.

Accertamenti meccanici e visivi

Dopo aver osservato tutte le particolarità burocratiche legate alle auto, dobbiamo verificare se quest'ultima abbia delle problematiche legate alla meccanica. 

1. Controllo dei freni 

Cerchiamo di comprendere se vi sono difetti ai freni e osserviamo se la spia dei freni si accende subito dopo aver girato la chiave d’accensione. Se la spia si accende e si spegne immediatamente, vuol dire che il sistema funziona in modo corretto. Nel caso in cui la spia rimanesse accesa, interpretiamo il fatto come un segnale di problemi all'impianto frenante. Osserviamo anche se vi siano degli stridii molto forti durante la frenata: sarebbe un chiaro indice di pastiglie usurate. 

2. Verifica trasmissione

Cerchiamo di osservare se è presente una forte vibrazione in accelerazione o in curva. Questa presenza segnala un problema alla trasmissione ed il costo di riparazione non è sicuramente moderato. 

Cerchiamo anche di rilasciare gradualmente la frizione in terza o in quarta marcia, mentre si schiaccia l'acceleratore. Se l'auto impiega troppo tempo ad andare in stallo, probabilmente è presente un problema alla trasmissione. 

Come ultimo controllo consigliamo di rilasciare lentamente la frizione, senza andare a premere il pedale dell'acceleratore. Se il motore dell'auto si blocca improvvisamente o lo spegnimento non è progressivo, allora la frizione potrebbe essere danneggiata. 

3. Controllo del motore

Per quel che riguarda il motore, controlliamo l'olio che, se è troppo scuro, deve essere cambiato. Ascoltiamo inoltre se sono presenti degli strani rumori come suoni stridenti o ticchettii, la cui presenza indica problemi alla distribuzione. 

Se, invece, sono presenti dei rumori sordi, potrebbe essere un problema legato ai cuscinetti. 

Ovviamente, una volta accesa l'auto usata controlliamo se rimane accesa la spia dell'olio oppure la temperatura dell'olio non riesce a raggiungere la temperatura media consigliata. In questo caso potrebbero esserci delle problematiche di vario tipo. 

4. Verifica della batteria

La batteria è un aspetto fondamentale per tutte le auto usate, anche per quelle termiche come benzina, diesel, GPL/metano. Se colleghiamo la batteria al voltmetro, ed una volta accesa l’auto, l'indicatore esprime un voltaggio inferiore ai 12 volt, la batteria è ossidata oppure non riesce a mantenere la ricarica. 

5. Test del volante

Il volante è un importante indice da tenere sempre in considerazione. 

Se girando il volante sono presenti degli stridii, potrebbe esserci un problema a livello di liquido dello sterzo (troppo basso). Se invece è molto faticoso girare il volante, il servosterzo potrebbe non funzionare correttamente a causa di eventuali perdite oppure danni. 

Se, infine, il volante vibra eccessivamente, allora abbiamo un problema alla cinghia della trasmissione, che può essere:

  • danneggiata
  • allentata
  • irrimedibilmente rovinata

6. Controllo sospensioni

Le sospensioni sono una componente dell'auto fondamentale e devono essere testate con attenzione. Se il veicolo sbanda o cigola durante le sterzate, è necessario effettuare un controllo approfondito delle sospensioni in quanto potrebbe essere necessario sostituirle. 

7. Test delle gomme

Controllare le gomme è un aspetto prioritario, non solo per analizzare l'auto usata nel complesso, ma per osservare anche il livello di sicurezza. Un'usura non uniforme del pneumatico potrebbe indicare un problema di allineamento o anche un problema legato alle sospensioni. 

Consigliamo anche di osservare la data di creazione della ruota. Ciò è possibile osservando i quattro numeri che sono collocati sulla spalla del pneumatico, racchiusi all'interno di un rettangolo dagli angoli arrotondati. 

8. La carrozzeria 

Osservando esternamente l'auto usata dobbiamo cercare di comprendere se quest'ultima ha subito dei danni a livello di carrozzeria. Eventuali ritocchi possono essere stati attuati per  semplici danni estetici o per mascherare danni più profondi condizionanti anche il prezzo dell'auto. 

9. I vetri e i fanali 

Non dimentichiamo infine di osservare se i fanali e i vetri sono in buono stato oppure se devono essere sostituiti. In alcuni casi, i fanali possono opacizzarsi portando una diminuzione della luminosità all'auto. 

Normalmente i vetri non hanno grossi problemi. Osserviamo però se il vetro anteriore ha subìto dei danni o sono presenti delle scheggiature che possono portare a lungo andare alla rottura completa del cristallo.

Condividi news su Linked In - Finauto.eu